CHI SIAMO

foto lab 5

Per creare occorre sacrificare la superficialità, qualche sicurezza e spesso il desiderio di piacere e far affiorare le intuizioni più intense, le visioni più grandiose.” C.P. Estès

Il Collettivo  “Scarpette Rosse” è una rete solidale di artiste/i che lavorano principalmente all’interno delle possibili declinazioni del fare teatro, ma non solo.

Scarpette Rosse è una famosa fiaba di H. C. Andersen. Il nostro nome si ispira infatti alle riflessioni e all’interpretazione data da Clarissa Pinkola Estès intorno a questa fiaba nel libro “Donne che corrono coi lupi”. Le sue parole sono in buona parte il motore creativo della nostra ricerca di attrici, formatrici e artiste: difendere, nutrire ed accrescere il nostro personale bagaglio di immagini, di urgenze che nascono dall’osservazione della realtà, di desideri, sogni e visioni trasformandolo in ideazioni, progetti, laboratori e spettacoli.  Essere levatrici di idee personali e/o collettive tramite l’arte che abbiamo scelto come nostra maestra, l’arte teatrale.

I nostri progetti teatrali vogliono prendere forma concreta in azioni artistiche, sociali, politiche e poetiche votate alla bellezza, celebrando l’incontro delle presenze vive di artisti e cittadini/a riuniti in uno spazio di reciproco ascolto e confronto. Desideriamo facilitare e promuovere un dialogo impalpabile e trasformativo dei diversi immaginari, una fertile e vicendevole contaminazione.

Thuline Andreoni
Federica Tripodi
Elena Formantici
Elisa Denti

 

 

THULINE ANDREONI

thule

 

Attrice di prosa ed operatrice teatrale classe 1981, diplomata nel 2007 alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi come attrice. Preparazione eterogenea con Kuniaki Ida, Maria Consagra, Elizabeth Boeke, Marco Plini, Ambra d’Amico, Tatiana Olear, Maurizio Schmidt, Massimo Navone, Jean Claude Penchenat ed Eugenio Allegri.

Nel 2008 partecipa come operatrice teatrale al lavoro di Teatro Comunità “I Teatri dell’Abitare” promosso dal Comune di Torino conseguendo il diploma di Operatrice Teatrale.

E’ attrice per il regista Claudio Longhi ( “Storie Naturali”, Prima Assoluta Europea dell’opera di Edoardo Sanguineti (Bologna e Siena), “Il matrimonio di Figaro” (Teatro Stabile di Torino), e in “Il Lancio del Nano” (Festival della Scienza di Genova) , “I mercati invisibili” (Mercati Traianei a Roma), “Yugen o dell’incanto sottile” ( Mimesis).

E’ attrice  per il Teatro Franco Parenti di Milano, diretta da Andrée Ruth Shammah in “Al Mercato”(Aprile 2010 anche al Teatro Tieffe di Milano, spazio Mil) e in “Polveri” con la regia di Franco Collimato.

Dal 2009 al 2013 collabora come Attrice e come Assistente alla Regia in tutte le produzioni della Compagnia Marco Gobetti. Co-Direzione Artistica dello Spazio Teatrale “Spazio Opi”, Torino.
Nel 2011 collabora in veste di narratrice nello spettacolo di burattini “La principessa Preziosa” (Giugno e Settembre), regia di Beppe Rizzo, Compagnia Oltreilponte Teatro.
E’ attrice nello spettacolo “Omissis-non dimenticare” della compagnia Tekhné Teatro, 2012 (Luglio e Settembre) con tournée nei comuni della resistenza del Piemonte.
Nel 2012 partecipa a Torino alla realizzazione del progetto “52fiabe – un anno di fiabe in 52 repliche” realizzato da un collettivo di artiste ed artisti di cui fa parte, pure recitando in “Barbablu”, “Scarpette Rosse” e “Il Mago di Oz”. A Ottobre 2013 recita nello spettacolo “Oìkìa”, della compagnia TeAtracoré, regia di Sara Consoli e Sara Sottile.
Nel 2014 fonda, assieme a Federica Tripodi, il Collettivo Scarpette Rosse.Da Gennaio 2014 partecipa in veste di co-ideatrice e conduttrice al progetto “Voci Fuori dal Cerchio- Il cerchio delle parole in azione”, cerchi di lettura pubblica partecipata associati a lezioni pubbliche di dizione e lettura ad alta voce.
E’ attrice e regista di “Questo Viaggio Chiamavamo Amore”,  Febbraio 2014 e Luglio 2015,  lettura drammatizzata tratta dal carteggio Aleramo-Campana, andato in scena a Rubiana a Villa Irma, dove soggiornò il poeta.
E’ attrice e manipola figurini nello spettacolo “La Montagna dei Sette Vetri” al Teatro Vittoria di Torino (Compagnia Refrain).  Repliche: Marzo 2014, Marzo del 2015, Ottobre 2017, sempre all’interno della stagione teatrale dell’Unione Musicale al Teatro Vittoria.
A Maggio 2014 cura, assieme a Morena Luciani Russo, la regia e recita in “Aedee-Datrice di Vita”, performance rituale nata in collaborazione con Associazione Laima, ed andata in scena a Roma alla Casa Internazionale delle Donne in occasione del convegno internazionale su Marija Gimbutas. Replica avvenuta anche a Dicembre del 2014 a Villa 5 di Collegno (TO).
E’ attrice al Teatro Concordia di Venaria, nello spettacolo “Mare Nostrum” produzione della Paranza del Geco di Torino, Dicembre del 2014. E’ attrice al Festival Eathink 2015 di Torino organizzato dalla Compagnia Tekhné Teatro(Giugno 2015).
Aiuto-Regia per lo Spettacolo “Gerusalemme Liberata” di e con Roberto Zibetti, andato in scena a Gennaio 2016 al Teatro Gobetti (Teatro stabile di Torino).
Adattamento letterario di  “Rotholandus” assieme a Roberta Lena, Roberto Zibetti e Gigio Alberti, regia di Roberta Lena, Teatro Franco Parenti, Marzo 2016.  E’ attrice, aiuto-regia ed assistente alla Drammaturgia nello spettacolo “Cuore Monello”, regia di Roberta Lena, andato in scena a Maggio 2016 al Circolo dei Lettori di Torino. E’ attrice nello spettacolo “Alice” della Compagnia Tecnologia Filosofica e Compagnia Refrain al Teatro Vittoria di Torino (Gennaio 2017), e per Piemonte dal Vivo tournée Febbraio/Marzo 2017.
In veste di conduttrice Thuline Andreoni organizza numerosi laboratori teatrali e sulla creatività rivolti alle diverse fasce d’età. Ecco il link alla sua video-intervista pubblicata da Il Fatto Quotidiano on line grazie a Jaigurudeva, il network dei creativi.

https://www.youtube.com/watch?v=32p93U31FK4

FEDERICA TRIPODI

Federica_08
Attrice, conduttrice teatrale e operatrice di Teatro Sociale e di Comunità. Inizia la sua formazione presso la Scuola di Teatro diretta da Massimo Scaglione a Torino tra il 1997 e il 2000.
Formazione eterogenea con Mamadou Dioume, César Brie, Eugenio Allegri, Marcello Magni, Maria Maglietta, Andreè Ruth Shammah, Gabriele Vacis, Oscar De Summa, Giovanna Mori, Maria Consagra.
Intraprende un percorso formativo attoriale permanente nel gruppo di lavoro “Atelier Teatro” con la direzione artistica di Mamadou Dioume tra il 2006 il 2009.
Ha lavorato come attrice con i registi Luciano Nattino, Andreè Ruth Shammah, Eugenio Allegri, Mamadou Dioume, Esther Ruggiero,  Alessandra Rossi Ghiglione.
Lavora in qualità di attrice e operatrice di Teatro Sociale nel del progetto di Teatro in Carcere “Tagliare la corda” diretto da Claudio Montagna, presso il carcere Lorusso e Cotugno” di Torino. Lavora in qualità di attrice e operatrice di Teatro di Comunità nel Progetto vincitore primo classificato bando europeo Cultura 2011 “Caravan artists on the road” con lo spettacolo “Precipito” in versione italiana e spagnola.
E’ attrice nello spettacolo diretto da Carlo Nigra “Velvet Bunny”, vincitore del “Premio Produzione Nuove Sensibilità 2010”.
E’ ideatrice e attrice nel progetto spettacolo “ Si chiude bottega” prodotto dal festival Asti Teatro 32. Ha lavorato come attrice per il Teatro Franco Parenti di Milano, diretta da Andreè Ruth Shammah in “Al Mercato”(2010).
E’ Attrice nello spettacolo “Forever young” con la regia di Alessandra Rossi Ghiglione- Teatro Astra 2013.
E’ attrice nello spettacolo “Un regalo fuori orario”, testo di Luciano Nattino con il patrocinio dell’A.I.S.L.A. (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) coprodotto da Asti Teatro 36, in collaborazione con Théâtre du Chêne Noir / Festival Avignon (2014).
Ha lavorato come formatrice e operatrice di teatro sociale e di comunità presso il centro psicosociale di Tripoli (Libia) in collaborazione con IOM (Organizzazione internazionale per le Migrazioni) e Master di Teatro Sociale Università di Torino (2013). E’ conduttrice nel progetto “Voci fuori dal Cerchio” con l’Associazione Scarpette Rosse.
Lavora come conduttrice di laboratori teatrali rivolti a bambini e ragazzi presso istituti scolastici e presso comunità per persone portatrici di disagio.
Ha all’attivo il Diploma di Master di Teatro Sociale e di Comunità presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Torino diretto da Alessandra Rossi Ghiglione e Alesssandro Pontremoli (anno accademico 2009/2010).
Attualmente lavora come attrice e operatrice teatrale, insieme a Thuline Andreoni, all’interno del Collettivo Scarpette Rosse di Torino.

 

ELENA FORMANTICI

elena-bella

Elena Formantici nasce a Torino nel 1979. Tra il 1985 e il 1992 studia danza classica, moderna e contemporanea presso la scuola di Susanna Egri di Torino. Dopo gli studi classici, concorre la laurea in antropologia culturale presso l’Università degli Studi di Torino, con particolare interesse per l’antropologia visuale e delle religioni.

Si forma teatralmente tra il 1998 e il 2001 presso la scuola GRM di Torino, sotto la direzione di Alfonso Cipolla e Giovanni Moretti; scuola nella quale viene dato ampio spazio, oltre che al teatro d’attore, alla pratica del teatro di figura. In quegli anni ed in quelli immediatamente successivi, collabora alla realizzazione di vari lavori teatrali per attori e burattini con la compagnia nata dalla scuola stessa, sempre sotto la direzione di Alfonso Cipolla e Giovanni Moretti. Tra questi, le “Accademie del Lunedì”, presso il Caffè Procope di Torino , lo spettacolo Edipo, presentato al Festival Internazionale del Teatro di Figura di Pinerolo, e al Festival Internazionale del Teatro di Figura “Arrivano dal mare” di Cervia, lo spettacolo “Caserio” in onore dei 100 anni della famiglia Rame con la partecipazione di Dario Fò.

Sempre in collaborazione con la scuola GRM, partecipa come attrice tra il 1999 ed il 2001, al progetto “Le settimane letterarie” a Torino. Partecipa in quegli anni alla realizzazione di visite guidate teatralizzate per ragazzi delle scuole elementari e medie, al fianco di Chiara Trevisan.

Insieme alla Compagnia “Il Barrito degli Angeli”, partecipa come attrice alla realizzazione di vari progetti teatrali:
-“Guerra e Pace”, di Fabrizio Galatea, luglio 2000, in occasione di “Torino chiama. Infinito LTD Performing Arts Festival”, Torino;
-“ Sergio Leone. Spudoratamente” di Fabrizio Galatea, Ottobre 2000, Villa Il Capriglio, Torino;
– “Le città scomparse” di Fabrizio Galatea, Novembre 2000, Villa Il Capriglio, Torino;
– “La merenda dei folli” di Fabrizio Galatea,, Dicembre 2000, Villa Il Capriglio, Torino;
– “ Apocalisse. Studio sulla rivelazione”, di Fabrizio Galatea, Giugno 2003, in occasione di Torino Contemporanea.
Per la regia di Gianfranco Dichiara, partecipa come attrice alla produzione e realizzazione di alcuni spettacoli, tra cui “ Da un’altra parte” (Le Serre, Grugliasco”), La giostra”, “Libertango” (2007, progetto di Teatro equestre) e “Tat Twam Asi”( 2009,progetto di Teatro Equestre).
Sempre nell’ambito del Teatro Equestre, partecipa al progetto “ Equus, il sogno del Centauro”, di e con Giuseppe Cimarosa (Roma, 2011).

Nel 2013 mette in scena “I dialoghi della panchina”, liberamente tratto da “The Duck variations” di  David Mamet, insieme a Patrizia Camatel, del Teatro degli Acerbi. Nel 2013 con il Teatro degli Acerbi, partecipa come attrice allo spettacolo “Il legno Verde”, di Luciano Nattino ( Le sfide della Fede, Asti). Nel 2014 per il Collettivo Scarpette Rosse recita nello spettacolo “La stanza del mare”, liberamente tratto da “Vecchi Tempi” di Harold Pinter, Torino, Polo Culturale 3.65.
Sempre con il Collettivo Scarpette Rosse nel 2015 recita nello spettacolo “ Amleto” in scena al Festival “Paesaggi e Oltre”, Castagnole delle Lanze.
Nel 2015 mette in scena in collaborazione con il Teatro degli Acerbi il monologo “Il Telegramma” di Aldo Nicolaj.

ELISA DENTI

elisa-denti

Elisa Denti inizia il suo percorso di studi teatrali all’età di 16 anni a Padova, con il Teatro Popolare di Ricerca diretto da Lorenzo Rizzato, prendendo parte a diverse produzioni e tournée della compagnia, fino al 1999 quando si trasferirà a Bologna.
Trasferitasi a Bologna per studiare al DAMS con indirizzo teatro, frequenta La Scuola di Noveau Cirque di Alessandra Galante Garrone, dove si diplomerà nel 2004.
Nel 2007 dopo tre anni di studio si diploma come “attrice” alla Civica Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, studiando con diversi maestri di fama internazionale e sperimentando diverse tecniche teatrali.
Negli anni approfondisce la propria formazione frequentando stage tenuti da Elena Bucci e Marco Sgrosso, Emma Dante, Eugenio Allegri, Paolo Antonio Simioni.
Nel 2007 per la regia di Massimo Navone, porta in scena La Tempesta nel ruolo di Ariel, debuttando al Piccolo Teatro Studio.
Sempre nel 2007 vince con la compagnia “Maledirezione” il premio “Nuove sensibilità” Napoli Teatro festival Italia con lo spettacolo “Falene” tratto da “Le Onde” di Virginia Woolf, per la regia di Carlotta Origoni.

Nel 2009 debutta al Teatro Stabile di Brescia con lo spettacolo “Benvenuti in California” per la regia di Marco Plini.

Negli anni lavora come attrice in diverse produzioni per il web, la tv e corti cinematografici. Contemporaneamente al lavoro di attrice porta avanti quello di formatrice conducendo laboratori teatrali per bambini ed adulti attenta alla metodologia del Teatro Sociale e di Comunità.
Nel 2014 vice il premio UP2U indetto da La Stampa e Teatro Stabile di Torino con il monologo di 15 minuti “i won’t eat”, da lei stessa scritto ed interpretato sul tema dell’anoressia.
Nel 2016 “i won’t eat” debutta a Teatro Bell’arte di Torino nella sua forma completa.
Nello stesso anno “i won’t eat” vince il premio “Teatro…voce della società giovanile” indetto da Endas Emilia Romagna e Crexida Fienile Fluo;
il premio “GaiaItalia” come Miglio Spettacolo al Nogu Festival di Roma;
il premio “Miglior Testo” e “Miglior Spettacolo” al Nogu Festival di Roma.
Elisa Denti porta avanti la propria ricerca e la propria poetica ,con particolare attenzione al teatro sociale, scrivendo e portando in scena i propri spettacoli (attualmente in produzione “Riciclami”) e collaborando inoltre con diverse realtà teatrali italiane
( Sementerie Artistiche, Collettivo Scarpette Rosse, Isabelle il Capriolo.